Non perdere tempo. L’imperativo del secolo.

Io il tempo lo voglio perdere invece, tantissimo e sempre di più, in tutto quello che me ne fa dimenticare l’esistenza.

Un grande amore [una prateria].

“Perché nasca una prateria, bastano un trifoglio, un’ape e un sogno. E se non ci sono le api e il trifoglio, può bastare anche il sogno.” E. Dickinson 

Ho cominciato dal sogno. Era un sogno di libertà che poteva farmi fuggire, almeno con la testa, dalla prigione di un lavoro poco gratificante, così lontano dal mio stile di vita, così poco profumato di terra. Io non me lo ricordo da dove sono entrate le api ma loro, si sa, il profumo di un fiore che sboccia lo sentono da km e km di distanza … so solo che da quel giorno il sogno ha appogiato timidamente la punta del piede al suolo (uh, come é morbido e fresco qui!)  e giorno dopo giorno è diventato reale.
L’amore ti cerca e ti trova. E appena le ho viste, le api, è stato di quegli amori prepotenti che ti prendono a schiaffi e ti dicono “ehi! Sono qui. Non perdere tempo più..” 

image

Grovigli in cui ripararsi, nascondersi, sbirciare piccoli pezzi di cielo. Pensieri in cui si sceglie di rimanere intrappolati. Andrà così, lo so… Ci finirò io in quella scatola vuota.